НАЧАЛО  



  ПУБЛИКАЦИИ  



  БИБЛИОТЕКА  



  КОНТАКТЫ  



  E-MAIL  



  ГОСТЕВАЯ  



  ЧАТ  



  ФОРУМ / FORUM  



  СООБЩЕСТВО  







Наши счётчики

Яндекс цитування

 

      
Институт стратегического анализа нарративных систем
(ИСАНС)
L'institut de l'analyse strategique des systemes narratifs
(IASSN)
Інститут стратегічного аналізу наративних систем
(ІСАНС)



статья

Claudio Mutti

IL SOGNO DELL'IMPERO EURASIATICO
UNGERN KHAN

 

Il barone Ungern Sternberg и uno di quei personaggi storici i quali non alla storiografia debbono la loro fama, quanto piuttosto alla leggenda che intorno a loro si и venuta creando. Dal noto libro di Ossendowski Bestie, uomini e dиi 1 alle biografie romanzate di Pozner 2 e Krauthoff 3, che attrassero rispettivamente l' attenzione di Guйnon 4 e di Evola 5; dal film sovietico Ego zovut Suche Batur, diretto nel 1942 da Aleksandr Zarchi e Josif Chejfiz (con Nikolaj Cerkasov nei panni
dell' eroe negativo Ungern) ai fumetti di Hugo Pratt 6 della serie Corto Maltese; dai romanzi di Jean Mabire 7 e di Renato Monteleone 8 fino alla pittura dell' artista siberiano Evgenij Vigiljanskij, abbondano le testimonianze del fascino esercitato dalla figura del "barone sanguinario". Nella Russia di oggi, dove Leonid Juzefovich 9 ha pubblicato la piщ recente biografia del Barone, il mito di Ungern и particolarmente vivo presso le correnti eurasiatiste e imperiali, che guardano a questo personaggio come ad un loro precursore. Il carattere piщ leggendario che storico di questa figura sembra riflettersi nella stessa incertezza dei dati biografici. Secondo la Grande Enciclopedia Sovietica, Roman Fлdorovich Ungern von Sternberg nacque il 10 (22) gennaio 1886 nell' isola di Dagц (oggi Hiiumaa Saar, in Estonia) e morм il 15 settembre 1921 a Novonikolaevsk (oggi Novosibirsk).

Le fonti "occidentali" invece lo fanno nascere il 29 dicembre 1885 in Austria, a Graz; per quanto riguarda la morte, oscillano tra il 17 settembre e il 12 dicembre del 1921 e propongono ora Novonikolaevsk ora Verkhne-Udinsk (Ulan Ude, tra la riva sudorientale del Baikal e il confine mongolo). La famiglia di Roman Fлdorovich (che tra l' altro era imparentata con quella del conte Hermann Keyserling) nel corso dei secoli aveva prodotto cavalieri teutonici, diplomatici, alchimisti e corsari; rivendicava origini tedesche e ungheresi (addirittura unne!), ma si diceva anche che discendesse da un nipote di Gengiz Khan che nel sec. XIII aveva cinto d' assedio Buda. E appunto dal fondatore dell' impero mongolo Roman Fлdorovich avrebbe ereditato
l' anello di rubino con la svastica, mentre secondo un' altra versione glielo avrebbe consegnato il Qutuqtu, il Buddha Vivente di Urga, terza autoritа nella gerarchia lamaista dopo il Dalai Lama di Lhasa e il Panc'en Lama di Tashi-lhumpo. Compiuti gli studi al Ginnasio di Reval, il Barone frequentт la scuola dei cadetti di San Pietroburgo; nel 1909 trascorse un breve periodo con un reggimento di cosacchi di stanza a Cita, in Transbaikalia, poi si diresse verso la Mongolia. Qui, grazie all' affiliazione buddhista che gli era stata trasmessa dall' avo paterno, Roman Fлdorovich potй entrare in rapporto col Buddha Vivente. Nel 1911, quando i Cinesi vengono cacciati dalla Mongolia e il Buddha Vivente diventa Re del paese, il Barone riceve un posto di comando nella cavalleria mongola.

In quel periodo, un oracolo sciamanico gli rivela che in lui si dovrа manifestare una divina potenza guerriera. Nel 1912 Roman Fлdorovich и in Europa. Allo scoppio del conflitto, abbandonando Parigi per accorrere sotto i vessilli dello Zar, il Barone conduce con sй una fanciulla di nome Danielle, la quale perirа in un naufragio sul Baltico. Nel 1915 combatte in Galizia e in Volinia, riportando quattro ferite e guadagnando due altissime onorificenze: la Croce di San Giorgio e la Spada d' Onore. Nel 1916 и sul fronte armeno, dove ritrova l' Atamano Semлnov, che aveva conosciuto in Mongolia. Nell' agosto del 1917, dopo essere andato a Reval per organizzarvi alcuni distaccamenti di Buriati da impiegare contro i bolscevichi, Ungern raggiunge Semлnov in Transbaikalia; qui diventa il capo di Stato Maggiore del primo esercito "bianco" e organizza una Divisione Asiatica di Cavalleria (Asiatskaja konaja divisija) in cui confluiscono mongoli, buriati, russi, cosacchi, caucasici, perfino tibetani, coreani, giapponesi e cinesi. La Divisione Asiatica di Cavalleria opera per tutto il 1918 nei territori orientali della Siberia, tra il Baikal e la Manciuria. Dopo l' evacuazione giapponese della Transbaikalia, la successiva occupazione cinese della Mongolia e l' instaurazione di un soviet "mongolo" sotto la direzione dell' ebreo Scheinemann e del pope rinnegato Parnikov, il generale Ungern si dirige verso la Mongolia alla testa dei suoi cavalieri. Il 3 febbraio 1921 investe Urga, costringendo alla fuga la guarnigione cinese, facendo a pezzi un rinforzo nemico di seimila uomini e spazzando via il soviet locale. Il Buddha Vivente Jebtsu Damba, liberato dalla prigionia e reintegrato nel suo regno, conferisce a Ungern, che d' ora in poi sarа Ungern Khan, il titolo di "Primo Signore della Mongolia e Rappresentante del Sacro Monarca". Il terzo gerarca del Buddhismo lamaista riconosce in Ungern una cratofania procedente dal suo medesimo principio spirituale. Ungern aveva dichiarato fin dal 25 febbraio 1919, alla Conferenza Panmongola di Cita, la propria intenzione di restaurare la teocrazia lamaista, creando una Grande Mongolia dal Baikal al Tibet e facendone la base di partenza per una grandiosa cavalcata verso occidente, sulle orme di Gengiz Khan.

Il vero scopo di Ungern Khan non era infatti una pura e semplice distruzione del potere sovietico, ma una lotta generale contro il mondo nato dalla Rivoluzione Francese, fino all' instaurazione di un ordine teocratico e tradizionale in tutta l' Eurasia. Ciт spiega da un lato la scarsa simpatia di cui Ungern godette presso gli ambienti "bianchi", dall' altro, il vivo interesse che il suo progetto suscitт anche al di fuori delle cerchie lamaiste, in particolare presso gli ambienti musulmani dell' Asia centrale. Rivestendo la tunica gialla sotto il mantello di ufficiale imperiale, alla testa di un' armata a cavallo che innalza come propria insegna il vessillo con lo zoccolo e lo svastica, il 20 maggio del 1921 Ungern Khan lascia Urga e penetra in territorio sovietico presso Troitskosavsk (Kiakhta), travolgendo le difese bolsceviche. Quindi impartisce l' ordine apparentemente insensato di eseguire una conversione verso occidente e poi verso sud, in direzione dell' Altai e della Zungaria. La sua intenzione, secondo quanto lui stesso dichiara al suo unico amico, il generale Boris Rjesusin, и di attraversare il Hsin Kiang per raggiungere la fortezza spirituale tibetana. "Egli - scrive Pio Filippani Ronconi- mosse solitario verso una direzione che non aveva piщ rapporto con la realtа geografica del luogo e militare della situazione, nel postremo tentativo, non di salvare la vita, bensм di ricollegarsi, prima di morire, con il proprio principio metafisico: il Re del Mondo" 10. Il 21 agosto il predone calmucco Ja lama, dopo avere ospitato Ungern nella propria yurta, lo consegna ai "partigiani dello Jenisej" di P.E. Shcetinkin. Il generale Blьcher, comandante dell' esercito rivoluzionario del popolo della repubblica dell' Estremo Oriente e futuro Maresciallo
dell' URSS, cerca invano di convincerlo ad entrare nell' esercito sovietico. Il 15 settembre Ungern viene processato a Novonikolaevsk dal tribunale straordinario della Siberia. Riconosciuto colpevole di aver voluto creare uno Stato asiatico vassallo dell' Impero nipponico e di aver preparato il rovesciamento del potere sovietico per restaurare la monarchia dei Romanov, и condannato a morte per fucilazione. L' anello con la svastica sarebbe entrato in possesso di Blьcher. Si dice che, dopo la fucilazione di quest' ultimo, avvenuta nel 1936, esso sia passato nelle mani del Maresciallo Zhukov.


--------------------------------------------------------------------------------

1- F. Ossendowski, Bкtes, Hommes et Dieux, Plon, Paris 1924.

2- Vladimir Pozner, Le mors aux dents, Denoлl, Paris 1937.

3- B. Krauthoff, Ich befehle. Kampf und Tragцdie des Barons Ungern-Sternberg, Carl Schьnemann Verlag, Bremen 1938. Questo libro, come pure quello di Pozner, rielabora i dati forniti da un testimone: Essaul Makejev, Bog voiny, Baron Ungern
(Il dio della guerra, il Barone Ungern), Shangai 1926.

4- R. Guйnon, Rec. in Le Thйosophisme, Йditions Traditionnelles, Paris 1978, pp. 411-414.

5- J. Evola, Rec. in Esplorazioni e disamine. Gli scritti di "Bibliografia Fascista", vol. I, Edizioni all'insegna del Veltro, Parma 1994, pp. 249-253.

6- Il Barone Ungern и anche uno dei personaggi principali del romanzo di Hugo Pratt Corte Maltese.
Corte Sconta detta Arcana, Einaudi, Torino 1996.

7- J. Mabire, Ungern, le dieu de la guerre, Art et Histoire d'Europe, Paris 1987.

8- R. Monteleone, Il quarantesimo orso, Gribaudo, Torino 1995.

9- L. Juzefovich, Samoderzhec pustyni (L'autocrate del deserto), Ellis luck, Mockva 1993.

10- Pio Filippani Ronconi, Un tempo, un destino, "Vie della Tradizione", n. 82, aprile-giugno 1991, p. 59.

 

nationalvanguard



 

   
вверх  Библиография г. Ивано-Франковск, Группа исследования основ изначальной традиции "Мезогея", Украина


Найти: на:
Підтримка сайту: Олег Гуцуляк goutsoullac@rambler.ru / Оновлення 

  найліпше оглядати у Internet
Explorer 6.0 на екрані 800x600   |   кодування: Win-1251 (Windows Cyrillic)  


Copyright © 2006. При распространении и воспроизведении материалов обязательна ссылка на электронное периодическое издание «Институт стратегических исследований нарративных систем»